La Diocesi

di Civita Castellana

L’attuale Diocesi di Civita Castellana nasce ufficialmente l’11 febbraio del 1986 quando, sotto il governo pastorale di Mons. Marcello Rosina, vennero pienamente unite a quella di Civita Castellana le diocesi di Nepi, Sutri, Orte e Gallese. Nell'aprile del 1989 fu Mons. Divo Zadi ad essere nominato direttamente nella nuova sede episcopale; mentre nel 1991 le quattro antiche diocesi accorpate a Civita Castellana vennero dichiarate sedi titolari. Da questo punto di vista, la diocesi civitonica, nella sua attuale conformazione, è una delle più recenti d’Italia; ma la sua origine, e quella delle ex circoscrizione diocesane che la compongono è, in realtà, fra le più antiche della cristianità.

Sede vescovile è la città di Civita Castellana, dove si trova la Cattedrale di Santa Maria Maggiore. Nella diocesi si trovano anche quattro concattedrali: Santa Maria Assunta in Cielo a Sutri , Santa Maria Assunta e Santa Anastasia a Nepi, Santa Maria Assunta a Gallese, Santa Maria Assunta a Orte. Il territorio è suddiviso in 76 parrocchie.

 

Statistiche generali

  • Superficie 1.552 Km2 - Abitanti 259.014
  • Comuni: 20 in Provincia di Roma - 21 in Provincia di Viterbo
  • Parrocchie: 76
  • Sacerdoti Incardinati in Diocesi: 72
  • Sacerdoti Diocesani fuori Diocesi: 9
    • Sacerdoti Fidei donum: 2
  • Sacerdoti non incardinati presenti in Diocesi: 54
    • Sacerdoti religiosi: 35
    • Sacerdoti secolari: 19
  • Diaconi permanenti: 11
  • Diacono transeunte: 2
  • Religiosi: 30
  • Religiose: 250
  • Seminaristi: 6